LA MENTE IBRIDA

Due parole sull'autore

Richard Louv è co-fondatore e presidente emerito di Children & Nature Network , un'organizzazione che supporta il movimento internazionale per far si che i bambini, le loro famiglie e le loro comunità si accostino al mondo naturale. È autore di nove libri, tra cui "L'ultimo bambino nei boschi: salvare i nostri bambini dal disordine da deficit di natura" e "Il principio della natura". Il suo ultimo libro, "Vitamin N", offre 500 modi per costruire una vita ricca di natura. Nel 2008, è stato insignito della medaglia Audubon. Conosciuto a livello internazionale.

" … Il 16 novembre, alla conferenza annuale sull'apprendimento ed il cervello, a Boston, in Massachusetts, ho offerto alcune delle seguenti osservazioni in un discorso programmatico. Il mio argomento era "The Hybrid Mind". Questo è stato tratto in parte da saggi precedenti e dal mio libro, "The Nature Principle".

Una volta ho incontrato un istruttore che ha addestrato i giovani a diventare i piloti delle navi da crociera. Ha descritto i due tipi di studenti che incontra. Un tipo è cresciuto principalmente in ambienti chiusi, trascorrendo ore a giocare ai videogiochi e lavorando sui computer. Questi studenti imparano velocemente l'elettronica della nave, un talento utile, ha spiegato l'istruttore. L'altro tipo di studente è cresciuto passando molto tempo all'aria aperta, immerso nella natura. Anche loro hanno talento. "In realtà sanno dove si trova la nave."

Recenti studi sui sensi umani confermano questa affermazione. "Abbiamo bisogno di persone che abbiano entrambi i modi di conoscere il mondo".

Attualmente, l’economia è dalla parte della tecnologia e dell'efficienza standardizzata. I Ricercatori più ottimisti suggeriscono che il multitasking sta creando la generazione più intelligente, liberata dai limiti della geografia, dagli agenti atmosferici e dagli inconvenienti fastidiosi della distanza del mondo fisico.

Altri, invece sono scettici, se non ostili alla tecnologia. Nel suo libro The Dumbest Generation , Mark Bauerlein, professore presso l'Emory University, rivela studi che confrontano questa generazione di studenti con le generazioni precedenti, dice "non conoscono più la storia o il senso civico, l’economia o la scienza, la letteratura o gli eventi attuali" - nonostante tutte le informazioni a loro disposizione. Altri ricercatori ritengono che individui che hanno esperienza in campo tecnologico, durante i loro anni di formazione sperimentino uno stentato sviluppo del lobo frontale, "in definitiva li congela in modalità cervello adolescente", come riportato dalla rivista di Maclean .

Ecco una terza possibilità, quella che chiamo la mente ibrida. L'ultimo multitasking è quello di vivere simultaneamente in entrambi i mondi digitali e fisici, utilizzando i computer per massimizzare i nostri poteri, per elaborare dati intellettuali e ambienti naturali, per accendere i nostri sensi e accelerare la nostra capacità di apprendere e provare a combinare i poteri "primitivi" riemersi dei nostri antenati con la velocità digitale dei nostri ragazzi.

Vuoi che gli studenti imparino? Accendi i sensi ora!

Gli scienziati che studiano la percezione umana non presumono più che esistano solo cinque sensi: gusto, tatto, olfatto, vista e udito. Bensì il numero si aggira da 10 a ben 30, compresi i livelli di zucchero nel sangue, la sensazione di fame, la sete e la propriocezione (consapevolezza della posizione del nostro corpo nello spazio).

Ti sei mai chiesto perché hai due narici? I ricercatori dell'Università della California a Berkeley lo hanno fatto. Hanno dotato gli studenti universitari di occhiali, paraorecchie e guanti da lavoro per bloccare gli altri sensi, quindi li hanno lasciati liberati in un campo. La maggior parte di questi poteva seguire una scia di profumo di cioccolato lunga 30 piedi e persino cambiare direzione proprio dove il sentiero invisibile svoltava. I soggetti sono stati in grado di annusare meglio con due narici funzionanti, che i ricercatori hanno paragonato ad uno stereo, zigzagando, una tecnica impiegata dai cani mentre cercano le tracce. "Abbiamo scoperto che non solo gli esseri umani sono in grado di tracciare i profumi", ha detto il ricercatore Noam Sobel, "ma imitano spontaneamente il modello di monitoraggio di [altri] mammiferi".

Nel 2009, i ricercatori dell'Università di Alcalá de Henares di Madrid hanno mostrato che gli individui, come i pipistrelli, sono in grado di identificare gli oggetti senza bisogno di vederli, attraverso gli echi dei clic della lingua umana. Secondo il ricercatori, gli echi sono percepiti anche attraverso le vibrazioni, nelle orecchie, nella lingua e nelle ossa - un senso raffinato, appreso attraverso prove ed errori, sia da soggetti non vedenti, che normodotati. Si tratta di ascoltare un mondo che esiste al di là di ciò che normalmente si confonde con il silenzio.

Ma cos'altro possiamo fare che abbiamo dimenticato?

Le forze armate statunitensi hanno studiato come alcuni soldati sembrano essere in grado di usare i loro sensi latenti per individuare le bombe sul ciglio della strada e altri pericoli. Lo studio compiuto in 18 mesi su 800 militari, ha evidenziato come i migliori osservatori di bombe fossero soggetti rurali - cresciuti nei boschi, a caccia di tacchini o cervi - e quelli provenienti da quartieri urbani degradati, dove è altrettanto importante essere vigili.

"Sembrava riprendessero le cose molto meglio", ha riferito il sergente maggiore dell'esercito Todd Burnett, che ha lavorato allo studio per recuperare gli ordigni esplosivi improvvisati del Pentagono. "Loro sanno come osservare l'intero ambiente." E gli altri partecipanti, quelli che hanno passato più tempo con i Game Boys o al centro commerciale? Non sono stati così bravi. Come diceva Burnett, erano focalizzati sul proverbiale schermo piuttosto che sull'intero circondario".

La spiegazione potrebbe essere in parte fisiologica. Ricercatori australiani suggeriscono che il preoccupante aumento della miopia è legato ai giovani che trascorrono meno tempo all'aperto, dove gli occhi devono concentrarsi su distanze maggiori. Una buona visione, un udito acuto, un senso dell'olfatto sintonizzato, la consapevolezza spaziale sono tutte abilità che potrebbero operare contemporaneamente. Questo vantaggio naturale offre delle applicazioni pratiche: una maggiore capacità di apprendimento, una maggiore capacità di evitare il pericolo, la capacità di sfidare le gli imprevisti, per impegnarsi più pienamente nella vita.

Oggi, gli studenti (e noi) che lavorano e imparano in un ambiente digitale dominante consumano enormi energie per bloccare molti di questi sensi, al fine di concentrarsi strettamente sullo schermo che hanno davanti agli occhi. Siamo "meno vivi", ma chi di noi vuole essere meno vivo? Quale genitore vuole che il loro bambino sia meno vivo?

Credo che un obiettivo centrale dell'educazione moderna dovrebbe essere quello di incoraggiare un pensiero così flessibile, in grado di coltivare la mente ibrida - per stimolare entrambi i modi di conoscere nel mondo: esperienza digitale e diretta.

Schermi e stream: il fiume di sapere

La ricerca in quest'area rimane una frontiera nel mondo accademico, ma le prove a suo favore si stanno moltiplicando. Le scuole che usano le aule all'aperto ed altre forme di educazione esperienziale basata sul contatto con la natura, riportano significativi profitti agli studenti in termini di studi sociali, scienze, arti linguistiche e matematica. Gli studenti in Finlandia sono primi al mondo per alti punteggi in matematica e scienze. In questo paese, la migliore educazione include il tempo trascorso in classe, con molte pause ed apprendimenti all'aperto.

È più probabile che i bambini inventino i propri giochi in spazi verdi, piuttosto che su campi da gioco. Gli spazi di gioco verdi soddisfano anche una più ampia gamma di studenti e promuovono l'inclusione sociale, indipendentemente dal genere, dalla razza, dalla classe o dalle capacità intellettuali. Uno studio ha rilevato che i cosiddetti studenti a rischio in contesti di educazione all'aperto, in una settimana hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test scientifici rispetto al gruppo di controllo che ha appreso in aula. Al laboratorio di ricerca uomo-ambiente dell'Università dell'Illinois, i ricercatori hanno scoperto che i bambini di appena 5 anni mostrano una significativa riduzione dei sintomi del disturbo da deficit di attenzione/iperattività quando sono impegnati con la natura.

I benefici cognitivi e comportamentali vanno ben oltre i confini della scuola. Nei progetti di edilizia abitativa nei quartieri di Chicago, i ricercatori hanno scoperto che la presenza di alberi all'esterno dei condomini era predittiva di determinati comportamenti: meno procrastinazione, migliori capacità di coping, maggiore autodisciplina tra le ragazze, migliori relazioni sociali e meno violenza. Anche gli educatori ne traggono beneficio. Ricercatori canadesi hanno scoperto che gli insegnanti hanno espresso rinnovato entusiasmo per l'insegnamento in scuole che coinvolgono i loro studenti in ambienti naturali.

Il massimo apprendimento avviene di solito quando sono coinvolti più sensi. È vero che spesso è necessaria una stretta attenzione digitale, ma il cervello sano - il cervello che apprende - deve anche prestare un diverso tipo di attenzione, un'attenzione che i ricercatori hanno chiamato "fascinazione", che spesso avviene in contesti naturali. Questo tipo di attenzione ripristina le parti del cervello affaticate da troppa "attenzione diretta". E ciò è vero per gli studenti, per gli insegnanti, per tutti noi.

L'educazione si sta muovendo in questa direzione? Alcune scuole hanno già creato spazi naturali di gioco e apprendimento, giardini scolastici; usufruiscono della natura vicina nelle città e nelle aree selvagge al di là di essa per mettere in rapporto i giovani al mondo della conoscenza, incorporando nuove tecnologie in queste esperienze.

Ma ancora troppi distretti scolastici pongono la loro attenzione su un chip di computer, mentre riducono la ricreazione, annullando le esplorazioni all’aperto, chiedendo agli studenti di passare sempre più tempo alla scrivania, a fissare gli schermi.

Pochi oggi metterebbero in discussione l'idea che ogni persona, specialmente giovane, ha il diritto di accedere a Internet, sia attraverso un distretto scolastico, una biblioteca o il programma pubblico Wi-Fi della città. Accogliamo l'idea che la divisione tra gli abbienti digitali e i non abbienti debba essere chiusa e che tutti i bambini hanno, anche, il diritto di sviluppare uno spettro più ampio dei loro sensi e capacità mentali, di conoscere il mondo reale e di essere pienamente vivi.

Richard Louv è l'autore di THE NATURE PRINCIPLE , da cui parte di questo saggio è estratto, eLAST CHILD IN THE WOODS . È presidente emerito di The Children and Nature Network.

BIBLIOGRAFIA

  • Rapporto C & NN: contatto dei bambini con l'esterno e la natura: un focus sugli educatori e le impostazioni educative, adattato da C & NN Bibliografie annotate di ricerca e studi di Cheryl Charles, Ph.D., Presidente, Children & Nature Network e Alicia Senauer, Yale University .
  • Puoi far uscire i tuoi studenti - e comunque rispettare i tuoi standard statali
  • 10 modi per aggiungere "vitamina N" alla tua classe e oltre
  • Scopri di più sulla Natural Teachers Network di C & NN .
  • La tecnologia e le esperienze della natura
  • Alta tecnologia -Alta natura: come le famiglie possono utilizzare l'elettronica per esplorare l'esterno
  • Wild Snapping: la fotografia digitale aiuta i bambini esperti di tecnologia a concentrarsi sulla natura
  • Tre bei pezzi di Andy Revkin del New York Times (Dot Earth):
  • Video di un bambino nel giardino della sua famiglia
  • Bambini e raffigurazioni digitali della natura
  • Uccelli, Twitter e Insegnamento
  • Lasciando la tecnologia alle spalle
  • Andare su un Techno-Fast: prendere una pausa dal mondo virtuale


    Foto di bambini con fotocamere digitali copyright 2012 David FitzSimmons.
© 2020 La Garderie Coop. Sol. Soc. O.N.L.U.S. P.I. 01030730897Design by WEBiCO
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account